mercoledì 9 gennaio 2019

INNO


Le vedo ancora danzare
sulle punte degli abeti
inconsumate, variopinte immagini
come lenzuola distese al sole
in un soqquadro di ancora ignoti
stimoli, di speranze e trambusti,
di esaltanti paure, di misteri
che non osavo affrontare,
eppure ogni alba riciclavo le nuove
diafane silouette derubate ai sogni,
ai deliri, alle speranze di un vivere
ancora tutto da intuire,
inaudito, fulvo e incastonato
nel mio futuro prossimo;
esitante lo vedevo farsi timido spazio
tra pensieri antagonisti.

La baia faceva da luminoso fondale
fino alle mutevoli schiume all'orizzonte
che trasformavano di ora in ora
i miei domicili dorati,
anguille dai riflessi tremolanti
di cui a stento intuivo i percorsi
ad arco, come salti incontro al cielo;
un andare e tornare senza agi
né ristoro, neanche mai riposo,
eternamente.

Fino a lei che rimase 
più a lungo nel mio sangue,
alitandovi speranze, dolori e gioie:
il calore del palmo della sua mano
fragilissima dentro la potenza 
della mia che pur tremava.
I lunghi tagli attraverso i boschi,
a piedi scalzi a cercare l'umida
ombra delle foglie cadute.

Nemmeno un bacio, nemmeno un carezza

il contatto bastava.

E adesso

nemmeno il nome ricordo di costei.


17  dicembre  2018

*****

19 commenti:

  1. Risposte
    1. Capita, perché sono passati tanti anni. Ma non me ne vergogno.
      Ricordo assolutamente il colore dei suoi occhi, dei suoi capelli e mi sembra di risentire la sua voce.

      Elimina
    2. Brava tu e somaro io.
      Mancava, ed era così importante: il suo profumo.
      Grazie per aver bellissimamente concluso.

      Elimina
  2. Ricordi che vanno e vengono. Interrotti dalla vita che scorre ingorda e a volte se li divora.
    Chapeau!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai scritto un verso molto bello...e lo sai.
      In effetti è così, ma non mi preoccupo. Da ragazzino, soprattutto a scuola, avevo un amoruccio all'anno, e me le ricordo tutte, ma di qualcuna solo il nome; ma musetto e il resto non l'ho dimenticati

      Elimina
  3. Che gran Poeta che sei, Vincenzone ... e che versi scrivi sulle ali della nostalgia !
    Ma qui a Roma, la tua città di adozione, le strade sono piene di monnezza ... e fà un freddo cane !
    E allora, sivvuplè ... scallamese 'r core co' 'sto pezzo meravijoso !
    https://youtu.be/ahJogvvDj2o
    😍

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ultima volta che sono venuto a Roma è stato nel 2014, con Annamaria. Lei si sbalordiva più di me dello stato delle strade.
      Andammo a Viale Jonio, dove avevamo abitato gli ultimi anni, proprio di fronte alla casa di Corrado.nostra figlia di due anni giocare per strada su quegli enormi marciapiedi pieni di aiuole. Mezzo secolo dopo non ci avrei lasciato pascolare un maiale. Uno schifo che non ti dico. Da piangere.

      Elimina
    2. Scusa: è saltato un pezzo. Dopo Corrado leggi: noi lasciavamo giocare per stada...
      Adesso si capisce.

      Elimina
  4. Straordinaria con un finale amaro. Magari dico una sciocchezza, mi pareva che tu l'avessi già postata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordavo un titolo analogo ed alcuni versi, almeno mi pareva, ma ho cercato non ne hai altre quindi è solo un remainder ad altri suoni poetici da te composti. Scusa.

      Elimina
    2. Sicuramente no. Scrivo tutto su quadernoni numerati. Sono pignolo ed alla fine aggiungo "blog" se la inserisco nel mio blog.
      Scrivo solo di notte e metto la data, per mia abitudine.
      Al mattino rileggo e se mi piace la posto, anche perché ho una calligrafia complessa e se lasciassi troppo spazio di tempo non capirei quel che ho scritto.
      In effetti credo che ti abbiano ingannato il motivo e forse qualche aggettivo.

      Elimina
    3. Sicuramente è come dici tu, anch'io poi mi sono reso conto rileggendola ancora, oltre che del fatto che è proprio bella, di come molte sfumature non le avessi mai lette. Scusa ancora :-)))

      Elimina
    4. Ma per piacere, di cosa dovrei scusarti? Mi fai onore con questo tuo dubbio ed immenso piacere: vuol dire che leggi assai attentamente -da poeta quale sei- ciò che scrivo, che lo capisci e apprezzi come io apprezzo e capisco al volo ciò che intendi tu nei tuoi versi.
      Grazie ancora, Daniele.

      Elimina
  5. La più bella, per me, tra le tue poesie.
    Quell'aliento di gioventù e di sogno è perfetto.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Cris: nei miei ricordi -lontani e lontanissimi- la vita sognata segue, sfiora, raggiunge e sorpassa la vita reale, si unisce a lei e mi appare sempre più nuova. Ti spiego il facile perché. Fin da piccolissimo ho sognato una mia esistenza parallela, l'ho proclamata mia, l'ho santificata rendendomela immortale. Potrei prescindere da questa mia visione? Certo, ma commetterei un delitto: ucciderei quella parte di me uscita dalla mia fantasia, il mio alter ego, uno dei miei. Non voglio farlo perché muterei il mio destino, i lineamenti del mio viso, la mia andatura per il mondo e non mi riconoscerei più.
      E poi mi amputerei la mano leggerissima e veloce con cui scrivo il mio film.
      Questo non significa che baro, proprio no; trascrivo la mia vita vera tutta intera, quella dei passi che lasciano orme e quella dei passi invisibili perché nel cielo non restano tracce del nostro cammino.
      Ed anche questo commento è una poesia che ti dedico, perché me l'hai ispirata tu.

      Elimina
  6. Strepitosa. Sono precipitata in tanta bellezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello veramente questo tuo precipitare, ne avverto la potenza e me lo godo. Grazie.

      Elimina
  7. Salve
    Siamo un gruppo finanziario privato. Siamo italiani, concediamo il prestito da 2.000 € a 200.000 € al massimo , se siete un libero professionista, uno studente universitario,una casalinga o un disoccupato, potete ottenere un prestito veloce per risolvere le vostre difficoltà finanziarie.È affidabile e sicuro.
    Contattaci via e-mail per maggiori informazioni: ambrosinigisele@gmail.com

    RispondiElimina