mercoledì 25 gennaio 2017

QUANTE COSE

Quante cose tu non sai
di me,
quante cose non so
io di te,
perché stiamo ancora insieme
questo proprio non lo so,
ma se tu ti svegliassi
domani
e non trovassi me
lì accanto a te
credo ti perderesti
ma non so dirti perché.
Io ti dico invece quello
che succederebbe a me:
non vedendoti più lì
non saprei nemmeno piangere,
e terrei gli occhi ben chiusi
per non vedere 
più niente.


***
Maximiliansau, 24 gennaio 2017

*

26 commenti:

  1. Bella da groppo alla gola💛💛💛. Con questa ti sei fatto perdonare per la precedente😜

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non l'ho scritta per farmi perdonare. Io rimango al senso di quella "sfigata", perché un uomo che perde un amore aggredisce sempre. Non lo sapevi?
      L'altra notte mi sono svegliato alle quattro e qualcosa. Mi sono alzato per andare a bere un bicchiere d'acqua. Mi sono seduto e c'era un tovagliolo pulito, e una penna con cui avevo scritto non ricordo più cosa.
      È venuta da sola, forse per associazione di idee, non so. Un rigurgito per tutte le volte che, pur dopo oltre mezzo secolo di convivenza e di amore, ci sono ancora incomprensioni incomprensibili tra me e lei.
      Scritto il primo verso, sono arrivati gli altri, come mangiando un grappolo d'uva.

      Elimina
    2. Ma ci mancherebbe, tu che scrivi qualcosa per farti perdonare?
      Ahahahah
      Ti stavo solo prendendo un po' in giro...

      Elimina
    3. No, certo che no, mai. Però se scrivo qualcosa che poi scopro che ha fatto male a qualcuno ci sto male, perché mi dispiace far soffrire il prossimo. Farlo incazzare invece no, mi fa divertire da matti. Naturalmente non sto alludendo a te che sei mia amica, ma che te lo dico affà, lo sai benissimo.....

      Elimina
    4. Scusate se m'intrometto nel vostro dialogo, scusa Vince' scusa Mariella.
      Mariella, ti devo ringraziare, per una cosa che tu scrivesti tempo fa, ed io non l'ho subito attuato le tue dichiarazioni. Ora ho capito e ti ringrazio, finalmente, son un po' tarda, ho capito e preso provvedimenti e distanze.
      Grazie ancora.
      Scusa Vince', scusa Mariella.

      Elimina
    5. Hai preso provvedimenti e distanze....?
      Non so di che parlate, ma ho il vago sospetto di aver capito a chi -femmina- ti stai riferendo....
      Mariella mi aveva avvertito di qualcosa, ma io non solo sono tardo, bensì cocciuto. Fortuna che Mariella mi conosce bene.

      Elimina
    6. Vince', mi sa che hai capito perfettamente...
      Con Mariella non ho mai parlato, ma ho letto di lei nel suo blog, e qui da te, e ho capito che e'a una persona come te.
      Io ho finalmente capito con chi avevo a che fare.
      E se Mariella ti conosce bene, anche tu la conosci, ed e' un piacere conoscere persone cosi.

      Elimina
    7. Io agisco in modo lineare ma ho il difetto di pensare sempre che lo facciano tutti. Non capisco certi raggiri e certe pantomime a che risultato vogliano arrivare. Quando Mariella mi ha messo in guardia mi sono chiesto a che pro' lo facesse e non ci sono arrivato e non ci arrivo se non mettenfo in conto che esista gente che gode nel fare casino solamente per far rumore e provocare danno.
      Questione di gusti, di eucazione, di cultura, non so proprio com definire il fenomeno.

      Elimina
    8. Ciao Fiorella, prego!
      Hai ragione quando dici che Vincenzo ed io ci somigliamo più di quanto sembra. Siamo entrambi persone dirette, che dicono sempre quello che pensano. Magari io sarò un pochetto più diplomatica eh...
      Non so se ti riferisci a qualcosa che io avevo scritto qui da lui o altrove. Di certo se mi sono così esposta è perché avevo prima intuito e poi trovato conferme, di quanto sospettavo sulla persona in oggetto. Se ho capito di chi stiamo parlando.
      Mi fa piacere se ora hai preso le tue precauzioni. Ti sentirai più tranquilla. Grazie per le belle parole spese per me. Mi farà piacere conoscerti meglio.
      Un abbraccio e a presto.

      Elimina
    9. Mariè, è il lato femminile che è in me che si accosta a quello maschile che è in te. Non è un gioco di parole, ma un dato di fatto.
      Qui colgo l'occasione per farti le mie scuse. Avevi ragione tu. Mi mancavano i tuoi commenti e non solo. Mi doleva darti un dispiacere e lasciarti pensare che me ne fregasse un tubo di quel che pensavi, ma sai...e lo sai...io sono tignoso e prima di mollare sbatto il capoccione al muro più e più volte. Scordatenne.

      Elimina
  2. Io ci sto mettendo tutta una vita per arrivare ad un amore così. Chissà se sarò mai in grado di riuscirci...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse nemmeno te ne accorgi perché sei una perfezionista in amore e non ti accontenti mai. Ci riuscirai perché non è possibile non amare una donna col cuore grande come il tuo, credi a me. Non ci vuole un grande sforzo. Abbi fede, ché ci riuscirai.

      Elimina
    2. Ho una grande paura sai? L'amore è un meccanismo così complicato...
      Grazie amico mio.

      Elimina
    3. È un muretto delicato: aggiungi un mattoncino al giorno e non invadere mai la privacy del tuo lui. Basta non nascondere mai il bene che si vuole. Stargli vicino quando lo vedi in difficoltà senza ossessionarlo. Quello è tuo figlio, prima di essere tuo marito. Ognuno di noi maschietti vuole essere certo che "la mamma" sia sempre lì, anche se non lo ammetteremmo mai nemmeno sotto tortura. Io lo dico a te perché ti voglio bene, mai detto ad Anna Maria. Se ne è accorta da sola.

      Elimina
  3. Sarà che sono un sercio d'uomo. ma era meglio l'altra, con la quale hai fatto arrabbiare mezzo mondo.... (l'altro mezzo..)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trovi? Ah ah! Sono un sercio d'uomo pure io, ma l'altro mezzo mondo non ci apprezza....

      Elimina
  4. Io t'immagino esigente e anche criticone, senza mezze parole, ma questi versi sono talmente gratificanti per una compagna di vita, che ogni donna vorrebbe riceverli per cancellare tutte le delusioni e vivere un attimo di felicità.
    Cri

    RispondiElimina
  5. Esigente? Criticone? Mi conosci bene allora, e sai che avresti anche potuto usare il superlativo assoluto.
    C'è il momento della frase cattiva "sfigata" e c'è la persona adatta a prendersela. Quella frase la proferisco con convinzione e cattiveria. Poi ci sono i momenti e la persona adatta per frasi gratificanti....che non mi escono dal gozzo. Non so perché, ma non mi escono. Allora le scrivo.
    C'entra di sicuro l'estremo pudore nel rivelarmi che ho fin da piccolo e che mi porta ad essere addirettura aggressivo con le persone cui voglio più bene.
    Forse il mio difetto più grave.

    RispondiElimina
  6. Eccomemai, Vince' che il mio ex marito (che l'inferno l'inghiotti) mi scriveva frasi bellissime, e poi...beh, la storia piu' o meno mezzo mondo web la sa?..
    Poco poco sfigata son stata?
    Va bene il detto chi non t'ammazza ti rafforza, ma insomma, ci son stata vicina, li mortacci sui!
    Abbraccio Vince'!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conosco la tua dolorosa historia -sto in quell'altro mezzo mondo web- però, senza dubitare della tua buona fede, delle due l'una: magari era uno di quei tipi che fa le cose dietro, poi se ne pente e scrive quel che scrive per perdonarsi lui per primo; oppure c'è il caso peggiore di quello -e purtroppo ce ne sono tanti- che fa del male alla sua sposa ma si veste da angelo per farsi vedere dagli altri per quello che non è o che vorrebbe essere ma non ci riesce.
      Le poche volte che ho fatto del male ad Anna Maria non l'ho fatto scientemente, ma stupidamente. Le ho chiesto scusa nel momento in cui era imbufalita. Lì per lì mi ha mandato all'inferno -Temperamentvoll Frau, dicono i tedeschi- ma poi mi ha creduto. Che mi abbia anche perdonato...non credo proprio, ma non se ne parla più. Ogni tanto, però, tira fuori frasi strane....

      Elimina
    2. Vince' e' il secondo, cioè il caso peggiore, l'angelo con gli altri e in casa il diavolo in persona...
      Caro Vince'...sai quelle cose che succedono, in casa quando fai i lavori, e per caso, sbatti sulla porta di casa e sempre per caso ti viene un livido in un occhio? Ecco quel tipo...

      Elimina
    3. Non mi ci vedo a fare il moralista, Mi ci vedi tu? Quindi no lo farò. Però lasciami dire che quando una donna va a sbattere sempre sugli spigoli delle porte, dovrebbe chiedersi se non sarebbe il caso di badare a dove mette i piedi.
      Fuori metafora: voi donne avete troppo pudore nel denunciare al mondo di esservi innamorate della...porta sbagliata...e allora subite in silenzio le portate sul grugno. È tristissimo ammettere il principio che una porta sbatta violentemente sempre sulla stessa faccia e poi si presenti bella lucida agli estranei che entrano in casa. Anche perché, dai e dai, qualche portata potrebbe risultare fatale.
      Bisogna andare da chi di dovere a denunciare sta porta che sbatte, prima che sia troppo tardi.

      Elimina
  7. Direi che è una bella dichiarazione d'amore verso la propria donna, chissà se lei la leggerà... me lo auguro e te lo auguro
    Abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ha letta e non ha commentato. Nemmeno una parola. Questo significa che le è andata molto a genio. Fosse stato il contrario me ne avrebbe dette di tuti i colori.

      Elimina
    2. Anche se non ha commentato, chissà quanti baci e abbracci ti avrà dato... ihihihihihih
      L'amore non è bello se non è litigarello.
      (✿◠‿◠)

      Elimina
    3. No, no, proprio nessuna reazione.
      Amore litigarello è bello? Allora il mio è stratosferico.

      Elimina