lunedì 7 ottobre 2019

BUONA È LA NOTTE

Una sua poesia, letta il giorno del suo funerale:

Buona è la notte, che mi fa pensare,
che mi aiuta a subire; bella
è la notte, che mi dà la voglia
di sperare. Da trenta anni la accolgo
in questa casa, vicina
allo scorrere del Reno, dove sono
parcheggiato nell´attesa che tutto abbia fine.
Qui ascolto la notte e il suo respiro,
che trapassa i vetri, le mura
e le tegole del tetto: lo ascolto
unirsi al mio, che a volte è tranquillo,
molto spesso accelerato, qualche
volta agitato. Poi c´è ancora
qualcosa che amo della notte; il tuo
silenzio calmo accanto a me.

29 commenti:

  1. Una poesia che denota ancora tutta la sua sensibilità e tutto l'amore per la vita, nonostante tutto. Grazie per avercela offerta. Un abbraccio a tutti voi.
    sinforosa

    RispondiElimina
  2. Semplicemente bellissima!! Delicata , un po malinconica , ma molto bella.
    L'ultimo verso è denso di tenerezza e amore!
    Un grande abbraccio a Voi tutti e grazie per aver postato questa sua splendida poesia
    Marinetta

    RispondiElimina
  3. Che malinconia a pensare che non c'è più!
    La poesia è stu.penda come tutte le altre. Piena di amore, dolcezza, a volte ruvidità ma sempre piene di sentimento
    Un caro saluto a tutti

    RispondiElimina
  4. L'ennesimo capolavoro emotivo di Vincenzo. Grazie per averla postata. Concordo con Patricia, anche a me manca moltissimo Vincenzo. Bellissima la dichiarazione d'amore conclusiva, la più bella che si potesse pensare.

    RispondiElimina
  5. Che emozione mi hai dato!
    Te ne sono grata e mi piacerebbe che continuassi. Condividere questa assenza mi conferma l'amicizia che ci univa.
    Cristiana

    RispondiElimina
  6. Caro Vincenzo, sono contento di riveder le tue belle poesie, complimenti.
    Ciao e buona settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  7. Grazie chiunque tu sia, se Anna Maria o Federico.
    Grazie per l'emozione ricevuta leggendo una delle sue più belle poesie.
    Se non sbaglio l'aveva già postata qui, qualche anno fa.
    Una bellissima traccia d'amore dedicata alla donna della sua vita.
    Condivido quanto scritto da Cristiana: sarebbe bello che voi continuaste a riempire con le sue poesie questo piccolo angolo che lui amava immensamente.
    Noi continueremo ad essere presenti.
    Vi abbraccio.

    RispondiElimina
  8. Scelta giusta che esprime amore con semplicità. Amore per la propria vita vissuta insieme a lei. Serenamente, anche nella notte, con gratitudine.
    Emozione pura.
    Grazie! ❤

    RispondiElimina
  9. Una poesia intima, bellissima, da leggere quasi sottovoce.
    Grazie anche da parte mia per averla condivisa qui, rendendoci tutti partecipi di un'altra emozione.

    RispondiElimina
  10. Grazie per questo regalo, grazie infinite.
    Mi "accodo" anch'io alla richiesta di altri: continuate a pubblicare.
    Un abbraccio a tutti.

    RispondiElimina
  11. Il nostro ricordo di Vincenzo:
    https://www.quellichelinter.it/2019/10/ciao-vincenzo.html

    RispondiElimina
  12. Grazie infinitamente per averla condivisa con noi, ho gli occhi lucidi e l'emozione di leggere ancora i suoi versi bellissimi, un po' tristi a volte, o forse semplicemente più consapevoli, con quella sua capacità di cogliere le sfumature, i suoi versi sempre pieni d'amore.
    Grazie ancora, un abbraccio sempre a tutti voi

    RispondiElimina
  13. Grazie, per questi versi che tengono viva la memoria di Vincenzo.
    Un abbraccio affettuoso a tutti voi.

    RispondiElimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  15. Grazie, anche da parte mia, alla Famiglia di Vincenzo, che tiene vivo ed aperto questo spazio che gli fu caro : possiamo così riaffacciarsi qui e rileggere le antiche opere di Vincenzo ... e ritrovare, come capita a me,il vecchio spirito del nostro civitavecchiese che si fece prima "romano" per passione, e poi "teutonico" per necessità di lavoro ! Valeas, amice .... e guida ora, da par tuo, il camion angelico fra le stelle, e, se incontrerai la mia amatissima figlia, dalle un passaggio e dille che il suo papà non la dimenticherà mai più finche vivrà, e che aiuterà i suoi due poveri orfanelli a crescere "liberi e sani", come avrebbe fatto lei, se un tumore crudele non l' avesse stroncata innanzi tempo !

    RispondiElimina
  16. Ciao amico mio. Sono passata a salutarti, in questa bella casa rossa che continua ad accoglierci. Sono giornate dure e mi manca la tua ironia, il tuo saper sdrammatizzare, quando arrivavano i momenti no. Fuori resto allegra, come ho imparato a fare in questi anni. Tu mi beccavi sempre, mi manca anche questo.
    Sono sicura che sbirci qui, e allora ti dico ancora ciao. Alla prossima.

    RispondiElimina
  17. Ciao, Vincenzo.
    Ho smesso di scrivere sul Blog, ma non riesco a pensare come sarebbe stato continuare senza il tuo apporto.
    Manchi...

    RispondiElimina
  18. Io non riesco ancora a togliere il tuo blog dalla lista dei preferiti ed ogni tanto mi affaccio qui. E' comunque un modo per salutarti e per far finta che ancora ci sei. :*

    RispondiElimina
  19. Scopro adesso che Vincenzo non c'è più. Manco dalla blogosfera da molto tempo. Mi dispiace tanto. Un grande abbraccio a coloro che lo hanno amato.

    RispondiElimina
  20. Leggo solo ora la sua poesia.
    Continui a vivere nei nostri cuori , ciao Vincenzo.

    RispondiElimina
  21. Un ricordo che desidero rivolgere,assieme a tutti voi, a quell'indimenticabile amico.
    Vi abbraccio.
    Cristiana

    RispondiElimina
  22. Mi unisco a Cristiana.
    Mai avrei pensato che un amico virtuale potesse mancarmi tanto.
    Ciao Ciantin!

    RispondiElimina
  23. Amico mio, siamo tutti qui.
    Non ti dimentichiamo.
    Un abbraccio forte, forte come sai.

    RispondiElimina
  24. Domani sono due mesi che non ci sei più ma resti nel.moo cuore e quindi non posso esimermi dall'augurarti Buon Natale ovunque tu sia.

    RispondiElimina