sabato 8 settembre 2018

DUEMILA ANNI DI MENZOGNE, DI DELITTI, DI VESSAZIONI, DI SCHIAVITÙ E DI SANGUINOSA DITTATURA

("La mia mente è la mia Chiesa" Thomas Paine)

Concordo pienamente, infatti da oltre sessanta anni mi tormento con questiti e dubbi e certezze. All'inizio un'infinità di dubbi e ben poche certezze, oggi fortunatamente i dubbi sono ridotti al lumicino e le certezze poche, ma solide:
NESSUNA RELIGIONE da cinquemila anni ante Christus nato ha vessato il genere umano infognandolo in un oscurantismo culturale quanto il Cristianesimo.
Il Dio biblico è tutto meno che un creatore imparziale, diciamo piuttosto un guerrafondaio sanguinario e partigiano.
Un mare di favolette lo hanno presentato come un buon vecchio amorevole e disposto a perdonare tutto. Mentre invece è falso e bugiardo fin dagli inizi.
Cominciamo dalla Genesi e dalle fandonie primordiali.
Dio creò il cielo e le stelle -si legge-, poi il mare e e le sue creature, e poi gli uccelli e gli animali della terra, ognuno nella sua specie.
Ma se non c'era mai stato nulla come poteva sapere di quali specie si trattasse il sommo Dio? Ah già egli era Dio. Sapeva tutto, prevedeva tutto. Il solito modo di dar risposte truffaldine a tappar buchi dei preti.
Poi, continua la Genesi, Dio creò l'uomo a sua somiglianza ed il settimo giorno si riposò.
E perché mai? Era forse stanco? Chi, Dio era stanco? 
Gli sarebbe bastato pensare il Creato ed il Creato sarebbe stato.
Non ce lo hanno mai detto, anzi hanno sorvolato la domanda pietosamente.
Fortunatamente essendo Dio, capì subito o quasi che Adamo da solo non avrebbe combinato un granchè. E allora lo addormentò, tirò via dal suo costato una costola e creò la donna.
Perbacco, ma allora noi dovremmo avere non ventiquattro costole, bensì ventitrè, come mai? Da dove si è riformata la ventiquattresima e come?
Mise i due esseri appena creati nel Paradiso terrestre.
Dove si trovava? Mistero.
Adamo ed Eva potevano far tutto. Meno mangiare il frutto di un albero, che io chiamerò del libero arbitrio, cosa nobilissima che invece sembra fosse assolutamente proibita perchè gli uomini rimanessero ignoranti e stupidi, fatti proprio a sua somiglianza
Naturalmente Eva, appena Dio girò l'angolo, diede retta al serpente malvagio ( e perché? Chiamiamolo angelo liberatore) e si pappò una mela dopo averne dato un pezzetto anche ad Adamo. 
Allora scoppiò il finimondo in quell'angolo del mondo e l'Umanità intera cadde nel peccato e la pacchia finì nella miseria in cui tutti noi peccatori giaceremmo.
Tutti colpevoli, soprattutto i neonati, che nel caso morissero senza battesimo sarebbero esclusi in eterno dal Paradiso, per colpa del primo antenato. Ma che giustizia divina sarebbe questa, degna di un Dio perfettissimo? Se non è dittatura sanguinaria questa! Nemmeno Attila, Caligola, Hitler ci avrebbero pensato.
Attenzione, qui si fonda il principio assoluto del Cristianesimo.
La negazione dell'evoluzione, il voler datare la nascita del mondo a qualche migliaio di anni, ci costringerebbe a pensare ad un Salvatore o Redentore, che viene mandato sulla terra per salvare l'Umanità dal peccato e redimerla con il battesimo.
La scienza ha dimostrato  inconfutabilmente che il Big Bang è avvenuto qualche miliardo di anni fa; che la terra ed il nostro sistema solare esistono come li conosciamo oggi da circa un miliardo, un miliardo e mezzo di anni; che mai Adamo fu, né Eva; che i primi uomini furono gli Ominidi, Primati costretti ad abbandonare le foreste e gli alberi dove avevano il loro habitat in seguito ad incendi devastanti dovuto alla collisione del pianeta con uno o più enormi meteoriti, gli stessi che oscurarono il sole probabilmente per anni, procurando il glaciale ed uccidendo tutti i dinosauri; dagli ominidi, al passaggio ai bipedi non durò molto, ma si arrivò all'Homo Neandhertalis; poi secoli per arrivare all'Homo abilis; altri secoli per arrivare all'Homo sapiens; e poi all'Homo africanus, il viaggiatore -NEGRO- che popolò il pianeta da Nord a Sud, da Est ad Ovest, in UN'UNICA RAZZA, bestie selvagge che siamo, IN UN'UNICA RAZZA, la RAZZA UMANA.
Cosa c'entra un Dio in questa storia? Nulla.
Mai esistitto il paradiso terrestre, mai Adamo, mai Eva, mai il serpente, mai il castigo, mai la necessità di un redentore.
E poi questi cristiani hanno una matematica bestiale: Uno e Trino.
Pensate sono i tre, Padre, figlio e Spirito Santo, ma sono soltanto uno. Se fai 1+1+1 non è = 3, ma sempre = 1; se fai 1+1-1 non fa = 2 ma sempre = 1; se fai 1-1+1 non fa = -1, ma sempre = 1.
Questa è l'algebra cristiana. Sensazionale.
E poi hanno il coraggio di parlare di Monoteismo, più politeismo di questo,  più l'universo di santi da appiccicare ai muri per sorvolare sul Dogma della verginità della madonna, che è la barzelletta più vecchia del mondo.
Al sodo: il Cristianesimo voleva sostituirsi al mondo pagano, vedi caso l'ipotetica nascita dell'ancor più ipotetico Gesù il 25 dicembre, giorno della massima festa pagana a Roma la celebrazione del Sol Invictus. Vedi caso, con le stesse manifestazioni di popolo. Bel colpo, complimenti. E per quanto concerne la Pasqua beh ci voleva una bella crocifissione perchè l'Agnus Domini venisse sacrificato per poter salvare l'Umanità dal peccato originale.
La base del Cristianesimo crolla in modo miserando: non ci fu Adamo nè Eva, niente peccato originale, niente salvezza, nessun bisogno di un messia, che è scomparso promettendo di ritornare e ancora c'è chi lo aspetta, come i cristiani fascisti della chiesa americana, perchè Gesù tornerà in America e farà di quel popolo il Popolo Eletto, il POPOLO DI DIO. Come volevasi dimostrare.
Da duemila anni il Cristianesimo si è impossessato delle coscienze con le più squallide menzogne e con la violenza. Pensate all'Inquisizione in tutto il mondo, all'occupazione da parte degli spagnoli dell'America latina, alla distruzione TOTALE di civilà antichissime come i Maia, gli Atzechi, civiltà che sono state brutalmente distrutte. Pensate ad una religione che non ammette repliche, o sei con noi oppure sei un eretico: ti brucio vivo e confisco tutti i tuoi beni. 
Il Cristianesimo è stato il più grande delitto contro il genere umano
e il suo più acerrimo nemico.
Questo post non è una bestemmia è frutto di convinzione e di studio fatto delle origini di tante religioni, da quattromila anni prima di Cristo.
Sapete quanti Salvatori esistevamo prima di Gesù? Sedici.
L'indostano Krishna
L'indiano Buddha
Salivahana dele Isole Bermuda
Gli egizi Zuhle, Osiride e Horo
Lo scandinavo Odino
Il caldeo Crite
il persiano Zoroastro
I fenici Baal a Taut
Il tibetano Indra
L'afgano Bali
Il Nepalese Jao
Il bilingonese Wittoba
Il siriano Thammuz
Il frigio Atys
il tracio Xamolxis
Zoar dei Bonzi
L'assiro Adad
I siamesi Deva Tat e Sammonocadam
il tebano Alcide
Mikado dei Sintoos
Il giapponese Beddru
Hesus e Bremrillah dei Druidi
Il gallico Thor
Il greco Cadmo
Hil e Feta dei Mandaiti
I messicani Quetzalcoatl e Gentaut
Il re universale delle Sibille
Ischy dell'isola di Formosa
Il maestro divino di Platone
Il santo di Xaca
I cinesi Fohi e Tien
Adone figlio della vergine greca Lo
I romani Issione e Quirino
Prometeo del Caucaso
L'arabo Maometto

Molti di essi nati da una vergine; alcuni in una grotta; tanti  adorati da pastori; alcuni crocifissi.
Ce n'è abbastanza per dubitare sull'originalità di Gesù.













32 commenti:

  1. Prima di rileggere attentamente e commentare il tuo post, lungo e complesso, volevo chiederti se hai ricevuto le mie mail.
    Per il momento, un abbraccio grande,
    Sabina

    RispondiElimina
  2. Il guazzabuglio di parole è lo specchio di un tipo di pensiero e le chiusure ideologiche nullificano la persona privandola della libertà di un dialettico confronto che accolga idee anche discordi. Noto che talora si adottano frasi irriflesse e distorsioni semantiche dove spesso manca una coerenza logico-argomentativa.

    RispondiElimina
  3. Guarda che io esprimo la mia sofferenza per avere -mio malgrado- dovuto scoprire che ciò in cui avevo creduto nei miei primi anni fino alla giovinezza fosse tutto falso. Ho impiegato anni per cercare di capire ed ho concluso che non c'è nulla da capire e che purtroppo ero precipitato nell'orrore della falsità più becera.
    E tu liquidi tutto definendo un guazzabuglio di parole. Invidio questa tua platinata certezza e mi tengo la mia incoerenza logico-argomentativa. Sono pronto a disutere con chi faccia obiezioni logiche, concrete, non con chi si rifugia dietro dottrine obsolete con la tua alterigia.

    RispondiElimina
  4. Bene, è troppo tardi per discutere di questo post che mi sembra accuratissimo ma che, come ben sai, non condivido per molti aspetti. Attenzione, è bene ricordare che il Cristianesimo è stato voluto dagli uomini, essere imperfetti e parecchio bastardi, in molta parte. Certo. Poi ci sono tanti altri uomini, pure loro imperfetti e consapevoli di questo. I migliori. A domani Enzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Mariella, lo hanno creato gli uomini in un momento particolare per la Palestina. L'occupazione romana in un paese bellicoso come Israele e dintorni deve essere stata terribile. Guai a chi si ribellava. Per creare un impero ci vogliono un esercito invincibile, o quasi, e Roma lo aveva; leggi ferree e le leggi di Roma sono ancor oggi la base delle leggi del mondo civile come noi lo intendiamo; Uomini forti e capaci di governare anche con migliaia di esecuzioni al giorno, come facevano i generali romani.
      Loro aspettavano il Messia, che li avrebbe liberati da Roma.
      Videro questo Messia identificato in un rabbino esseno e lui cavalcò l'onda del successo, se veramente visse, perché è. bene ricordare che NON esiste prova storica della sua esistenza. Adesso i baciapile insorgeranno: COME NON ESISTE?
      NO, NON ESISTE. Spigatemi allira perché Giuseppe Flavio, scrittore greco prolificissimo, del I secolo d.C. che occupa 41 pagine di un suo libro per raccontare le imprese di un comune ladro, la sua cattura, il suo processo e la sua lapidazione con pietre non aguzze ma levigate bene perché non gli spaccassero subito la testa, tutto ci racconta Giuseppe Flavio di questo sconosciuto ladro da vero cronista e nulla nemmeno una parola sul processo e l'esecuzione di Gesù suo contemporaneo, il presunto Messia seguito dalle masse di Giudea e della Palestina tutta. Come mai? Solo una frase, cito a memoria : In quel tempo predicava in Galilea e Palestina Gesù. FINE. E questa è la dimostrazione del tentativo tardo cristiano di dare un valore storico alla figura di Gesù. La frase è un'interpolazione tarda. Flavio scriveva in greco e mai avrebbe scritto "in quel tempo" che era il tipico modo di dire della lingua giudaica.
      Saulo di Tarso che parla di Gesù che mai conobbe non sa nulla della sua vita, data e luogo nascita ad esempio.
      Ci sarebbe da parlare per mesi su tutti questi argomenti e sul fatto che dovrà tornare per fare il Messia. E perchénon lo ha fatto subito il figlio di Dio? Perché lo hanno inchiodato ad una croce. Quale croce? Lo stauros era un palo cui venivano inchiodati i condannati, non una croce.
      Si diventa pazzi a seguire attentamente questa storia senza avere le orecchie foderate di prosciutto, infilatovi dentro dai preti cattolici a tutti i bimbetti e le bimbette del catechismo, Mariella.

      Elimina
    2. Io non sono una bimbetta. E la mia fede è soprattutto nel mio cuore. Non ho bisogno di riscontri. Di dubbi ne ho migliaia e di dolore per i soprusi, le guerre gli inganni. Ma questo vale per tutte le religioni o mi sbaglio? Sono una persona migliore è questo lo devo a ciò in cui credo. A modo mio e usando la mia testa. Sempre è comunque che di lezioni e di professori inutili e superflui è pieno il mondo. Tanto meno ho bisogno di convincere nessuno. Questa è la differenza.

      Elimina
    3. Eccoil punto: tu parli di fede e non ci incontriamo. Io non sto discutendo di questo. Tu nel cuore senti che un Dio c'è e in quello credi. Ti capisco e poso comprendere perchè lo fai: il bisogno di credere in una realtà ed il desiderio -umanissimo- di vita futura migliore di questa.
      Io non ho bisogno di fede ma di risposte. Gesù non può essere uno e trino, figlio di Dio e Dio lui stesso. È così oppure no? Gesù è storicamente esistito oppure è un mito?
      Il credere obbedire e combattere NON mi basta.
      Usando la mia testa -non il cuore- sono arrivato all'amara conclusione che tutto è falso. Questo è tutto, Mariella.

      Elimina
  5. @Vincenzo,
    personalmente non me la sento di condividere una passione polemica così intensa verso la Chiesa (e dico, non a caso, Chiesa e non religione) perché non le riconosco, non più, non più così drammaticamente, il potere di orientare le coscienze e, soprattutto, di "interferire" sulla vita pubblica e soprattutto su quella privata dei singoli, tentando di imporre scelte confessionali su temi che attingono al privato privatissimo delle persone, che tutte cattoliche non sono, visto che lo Stato è/ dovrebbe essere laico.
    Certi di guasti la Chiesa ne ha prodotto: se penso alla condizione delle donne in Italia e a quanto su di essa ha inciso la morale cattolica, mi sento il cuore in rivolta e mi viene di fare un parallelo, giusto un po' "attenuato nei toni" con certe imposizioni/orientamenti della legge islamica.
    Però capisco il tuo risentimento, soprattutto perché lo immagino riferito ai tempi e ai modi della tua educazione: quando certe storie erano raccontate come vere e realmente accadute, con un'abilità teologica molto approssimativa...Ma tant'è: io ho fatto le elementare in una scuola di suore e potrei raccontartene tante. Da quell'esperienza mi ha salvato la mia famiglia, che, per quanto credente, non era assolutamente composta di baciapile, anzi: la scuola dalle suore era stata una necessità per via dell'orario più esteso, ma, di fronte alle paure e angosce, che esprimevo dopo aver sentito a scuola discorsi del tipo che puoi facilmente immaginare, trovavo la rete di salvataggio della mia famiglia, solida e concretamente aperta su questo fronte.
    Certo, discutere di questi argomenti è difficile e scatena sempre qualche sentimento di "rivolta" in alcuni.
    Mi fermo qui, a voler approfondire ci vorrebbero pagine e pagine...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai letto la citazione da Thomas Paine messa da me tra parentei all'inizio del mio post? "La mia mente è la mia chiesa"
      La cndizione della donna? Solo quella? I nemici della chiesa cattolica sono le donne come Eva peccatrice ed I NEONATI, quelle creaturine INNOCENTI che qualora morissero prima del battesimo verrebbero esclusi dal Paradiso: somma giustizia divina.
      E la donna? Trattata peggio di una musulmana. Pensa all'Inquisizione, alla Caccia alle streghe, pensa allo "jus primae noctis" mostruosità cattolica in agio ai vescovi o agli alti prelati; pensa ai conventi di monache saparati solo da u muro da quello dei frati. Pensa al matrimoni indissolubile. alla sorte di chi gli si opponeva, multe agli uomini, frustate alle donne.
      L'Ho scritto e qui lo ribadisco: il Cristianesimo come chiesa è stata la maggior disgrazia per l'Umanità.
      Ringrazia i tuoi genitori se non sei diventata una sbavapile.

      Elimina
  6. p.s.: una nota finale, secondo me di non trascurabile importanza, la differenza tra la religione vissuta secondo i dettami di una Chiesa (qualunque essa sia) e il sentimento religioso tout-court, inteso come disposizione dell'animo, come possibile chiave di lettura del reale, (ma UNA delle chiavi possibili, UNA!) che è di tutti, anche dei laici, anche dei non credenti e non privilegio di pochi e certificati Giusti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo in questo: la mia mente è la mia chiesa.

      Elimina
  7. Il Cristianesimo è tutto o quasi accettazione supina del mistero e della volontà di Dio.Si basa qui ttutto su quello per non spiegare l'inspiegabile. Il punto è che l'uomo ha da sempre un forte senso di spiritualità in sé da colmare. Sul potete della Chiesa oggi dico che ancora è forte ma non più come un tempo. Pericoloso può essere il tentativo di indottrinare i bimbi nelle loro scuole per l'infanzia. ma anche si questo ho dei dubbi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La forza su cui fa leva il cristianesimo è il bisogno innato in tutti noi -non quasi tutti, ma proprio TUTTI- di spiritualità, metre in tutto il mondo è pregiato il potere economico, la volontà dell'uomo sugli altri uomini, il non poter credere e sognare una vita migliore, una olta conclusso il cammino corporeo su questa terra.

      Elimina
  8. Errata corrige Quasi tutto e poi Potere e non potete

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si caoiva comunque benissimo, Daniele per essere completaente d'accordo con te.

      Elimina
  9. A mio modesto parere, il signor Paine era un illuminista, per quanto riguarda le religioni, che sono un'accozzaglia di miti e illusioni e promesse , l'oppio dei popoli, appunto. Se penso alle stragi e alle guerre fatte in nome della religione e del suo dio, mi sento come se battessi la testa contro un muro.
    A chi aspetta il suo 'salvatore' auguro che il suo avvento possa essere più equo. Oggi,a parte quei popoli soggetti ancora al fanatismo religioso, ognuno è ovviamente libero di pensarla a sua discrezione e sono convinta che coloro che possiedono un'autentica fede seguono una dottrina basata sul bene.
    La mia fede sta nell'anima.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Salvatore NON verrà perchè non c'è nulla da salvare.
      Credo nella scienza non credo alle favole.
      La trra non ha diecimila anni al massimo, ma oltre tre miliardi di anni. Il Paradiso terrestre, Adamo, Eva, il serpente sono invenzioni. Il peccato originale NON ESISTE, non c'era alccun bisogno de salvatore. Crolla il principio fondante deo cristianesimo. Basta. Tutta fuffa, Cristiana, da qui la mia amarezza.
      La chiesa cristiana ci ha usato per i suoi porci comodi e ci usa e ci userà fintantoché ci saranno fedeli, la maggioranza di noi, che disdegnano di ammettere di ESSERE SOLI contro tutti e che dopo l'ultimo respiro ci sia IL NULLA ASSOLUTTO.
      Spiace anche a me, ma tutto ha un ciclo vitale sulla terra, anche l'essere umano.

      Elimina
  10. Perché siamo così delusi?
    Faccio mie le parole di Papa Francesco tratte dall'Enciclica Laudato Si.

    " Molte cose devono riorientare la propria rotta ma prima di tutto è l'umanità che ha bisogno di cambiare. Manca la coscienza di un'originalità comune, di una mutua appartenenza e di un futuro condiviso da tutti. Questa consapevolezza di base permetterebbe lo sviluppo di nuove convinzioni, nuovi atteggiamenti e stili di vita. Emerge così una grande sfida culturale, spirituale e educativa che implicherà lunghi processi di rigenerazione."
    Poi, possiamo sputare veleno sul delirio voluto dalla Chiesa colpevole come le altre religioni di nefandezze assolute e sindacare sull'esistenza di Gesù o meno.
    Non è questo il punto.
    Il punto è riprendere coscienza di chi siamo e di continuare a lottare. Altrimenti, abbandoniamoci pure al degrado con lo sguardo cinico di chi crede di avere capito tutto e non fa nulla.
    Io lotto affidandomi a quello che crede la mia anima. E non mi arrendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non è questo il punto. C'è una differenza: la chiesa cristiana mente sapendo di mentire e di imbrogliare miliardi di individui. Basta lo scandalo della Sacra Sindone che dopo secoli di menzogne finalmente messa alla prova del Carbonio 14 è miseramente crollata a stoffa realizzata con l'imbroglio nel XV secolo. Questo fa la chiesa scientemente da secoli per guadagno. Tu e la maggior parte degli uomini e dele donne e dei BIMBETTI crede al suo cuore, cioè HA FEDE.
      Non basta, Mariella, a me non basta.
      Non sto cercando proseliti non voglio convertire, ma solo esprimere il mio dolore ed il mio sdegno.

      Elimina
    2. Le risposte che vuoi senza la scintilla non ci saranno mai.
      Ti sei arreso.

      Elimina
    3. La scintilla è la fede?
      Allora hai ragione: mi arrendo.
      Non ci sto a credere in ciò che altri hanno inventato male e raccontato peggio. Uso il mio cervello e il mio istinto, che mi dicono che non è vero niente.
      L'ho già scritto, ma lo ripeto a te chee sembri assai dispiaciuta di questa mia resa.
      Mi sono sentito una volta davanti a quell'ultima porta, era il 13 febbraio di quest'anno; sentivo che molto probabilmente ero prossimo a morire. Gli istanti prima che i medicinali mi addormentassero sul tavolo operatorio ho avuto un pensiero per questo ipotetico Dio. Se ci sei non lo so, ma se tu ci fossi perdonami di averti messo in dubbio. Sono un essere umano, incerto ma non deficiente, e non mi vergogno di essere stato un vigliacco perchè se veramente esiste non mi interessarebbe esserlo, ma non sarei tanto sciocco da tenere duro. Ci sei veramente? Allora scusa.
      Volevo lasciarmi aperta una porta?
      Chiedevo scusa per averlo offeso?
      Fifty fifty, onestamente.

      Elimina
    4. Ma io non sono mica dispiaciuta.

      Elimina
    5. Il fifty fifty mi piace di più.

      Elimina
    6. @ Ma io non sono mica dispiaciuta.
      Ah no, mi pareva, scusa.

      Elimina
    7. @ Il fifty fifty mi piace di più.
      Sinceramente anche a me....è più onesto.

      Elimina
    8. Purtroppo sono una che non ragiona. Diciamo che queste parole, da oggi in poi, faranno la differenza.

      Elimina
    9. Chi lo ha detto che tu NON ragioni? Tu lo dici, polemicona.
      Dovresti sapere che è un modo di dire, come ad esempio "ecco una che ha capito". È nel mio modo di parlare e lo sai. E facevo riferimento soltanto al mio post. So che non è facile capirne il senso, dato che forse sono stato poco chiaro io.
      Avrei dovuto scrivere all'inizio: nn voglio convertire nessuno e rispetto tutti i credo, ma io la vedo così. Per cui tu hai iniziato il tuo commento dicendo -cito a memoria- che tu ascoltavi il tuo cuore. Io qui ti rispondo "fai bene, io però do ascolto al mio cervello e lui mi dice no possible, il ne pas possible, es ist unmöglisch, nada de nada".
      Voglio dirti ancora che sapevo già che avresti risposto tu, e cosa avresti obiettato. Mi credi? Ci conosciamo bene.
      :-)))

      Elimina
  11. La kqhiesa kqhattolika (storpiatura d'obbligo) ha completamente stravolto gli insegnamenti dello stesso Cristo. Lui cercava di aprire gli occhi alla gente, di spingere le persone a pensare con la propria testa, a ignorare i diktat di sacerdoti, scribi, farisei e tutti quegli altri che invece intendevano imporre un pensiero comune. Venne assassinato, come ogni personaggio scomodo; chissà come mai, i vangeli vennero scritti e diffusi soltanto trent'anni dopo la sua morte! Tutto quello che disse e fece Cristo venne abilmente stravolto proprio da quei sacerdoti, scribi e farisei che alla fine lo usarono per imporre quel pensiero comune che, ribadisco, proprio lui voleva evitare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laa scoperta dei manoscritti del Mar morto ha sciolto qualche dubbio, ma non tutti. Ora si pensa che Gesù -nel caso sia esistito, perché non ci sono prove certe sulla sua vita- era un rabbino predicatore esseno, o che perlomeno si era formato tra gli Esseni. Il discorso della Montagna lo aveva già fatto di sicuro Budda 600 anni prima. Paolo di Tarso, che parla di lui e ne diffonde la religione fino a Roma, caput mundi, della sua nascita e della sua morte non parla mai. Flavio Giuseppe, il cronista greco del tempo, non lo nomina mai. Ciò posto, è chiaro che: i quattro evangelisti si contraddicono spesso; tutti i vangeli furono scritti decenni dopo la súa morte presunta, quello di Giovanni settanta anni dopo; Gesù si interessava solamente di ricondurre le tribù della Diaspora all'ovile e non voleva fondare nessuna religione nuova.
      E che dire del ritorno del Messia? Perchè deve ritornare, o meglio cosa è venuto a fare la prima volta? E perché, se lui era il Cristo, non è riuscito a compiere ciò che il Messia avrebbe dovuto compiere?
      Ed i fascisti cristiani americani degli USA, che si sono già impadroniti di questa seconda venuta cui seguirebbe l'Estasi e la fine del mondo, e dichirano che arriverà a Washington e sarà quella la Nazione di Dio?
      Guarda che bel quadruccio e che fine farebbe il cristianesimo.
      Duemila anni di dittatura feroce e sanguinaria ci sono già stati: benediciamo le armi merrecane come armi del popolo di Dio e il mare si tingerà per sempre di rosso.

      Elimina
  12. Ah, sì lo avevo letto Vincenzo.
    Non avevo risposto perchè al momento che Lui, chiunque sia se c'è, sono un po' incazzata. A parte il fatto che lo sono da anni ormai. Diciamo che il feeling tra noi si è sgretolato :)

    io posso anche credere in un essere supremo però ci sono cose che non accetto. Ad esempio che in suo nome vengano sterminate etnie antiche, vedi Maya, Incas, Aztechi eccetera. Che in suo nome si facciano guerre dichiarate sante, vedi i crociati.
    Soprattutto non accetto un Dio che solo vieta, impedisce, dà ordini. Mette paura a suoi "figli" o presunti tali con l'inferno o li premi con le vergini (maschilista alquanto)
    Teniamo presente poi che qualunque scrittura sacra, cristiana musulmana indù buddista... è stata scritta e interpretata da uomini e che questi uomini se ne fanno un'arma di potere.

    Forse non credo in Dio. Forse sì. Resta il fatto che non ho bisogno di intermediari. Ci parlo da sola. Peccato che non abbia mai avuto una risposta

    ps preti e suore? Non li amo!

    RispondiElimina
  13. Ecco una che ragiona.
    Prescindendo da quei sminuzzatori e sminuzzatrici di testicoli -parlo di preti e monache, e non dimentico i frati- non si può amare un dio despota, bigotto e chiavicone, come quello dei Cristiani; uno malvagio come quello musulmano che vorrebbe morti tutti gli avversari, quello falso giudeo che tra tanti popoli sceglie quegli scarabocchi dei giudei e ci vorrebbe far credere che quelli ha eletti a unti del signore; prescindendo che se fosse vera la favola del ritorno del messia -a far che?- ah già, lui verrebbe stavolta a Washington a far piazza pulita di tutti i suoi nemici -meravigliosa giustizia divina- e dichiarare in toto che il popolo merregano è il popolo di dio. Manco a li cani.
    No, chiunque esso sia, se c'è, fanno schifo tutti.

    RispondiElimina